Background Patterns

Le scuole



DSM
    La Deutsche Schule Mailand ha ospitato i primi incontri del progetto "la città cambia, e noi?", avviato "sul campo" il 26 Settembre con una visita alla Nuova Sede della Regione Lombardia. Quattro classi hanno partecipato a tre diversi cicli, messi a punto insieme alla professoressa Eleonora Monico e declinati sui temi "Le forme dello spazio" e "Tracce di futuro", arricchito da un quarto incontro dedicato alla fotografia, tenuto da Giovanni Hanninen. Quest’anno la professoressa Maria Teresa Harrasser partecipato al progetto proponendo a due classi 12esime il ciclo “Tracce di futuro”. E’ stato affrontato come tema conduttore la residenza, vista come l’"unità base" che pone in relazione gli individui con la città e il luogo dove si confrontano dimensione privata e pubblica: un percorso tra le architetture per l'abitare di City Life, Porta Nuova, Milanofiori e Portello.
      blank220x20
        ISSMA
          Nel Liceo Scientifico dell'Istituto Salesiano Maria Ausiliatrice abbiamo sperimentato per la prima volta il ciclo tematico "I ritmi della città".
            Con la collaborazione della professoressa Alessandra Picchi abbiamo guidato gli studenti di quarta in un percorso focalizzato su come i nuovi interventi riescano a tradurre i "ritmi" della società in "spazi" capaci di accogliere nuovi usi creativi.
              La lettura fotografica assegnata è stata completata dai ragazzi insieme all'insegnate.
                blank220x20
                  Sacro Cuore 1
                Grazie alla preziosa collaborazione con le professoresse Gabriella Cassandro e Giuseppina Alliora, "La città cambia, e noi?" ha trovato tra i ragazzi delle classi IV e V del Liceo Artistico una grande attenzione per l'architettura contemporanea. Gli studenti coinvolti in “I ritmi della città”, sul tema della residenza, e “Tracce di futuro”, con il workshop sul concorso per la Città delle Culture e per il nuovo MUDEC nell'area dell'ex Ansaldo, hanno mostrato impegno, capacità critica ed entusiasmo nel guardare le architetture e gli interventi urbani proposti.
                  blank220x20
                    Liceo musicale Novara1
                  Stiamo ancora lavorando con il Liceo Artistico Musicale e Coreutico ‘Felice Casorati’ di Novara, dove una III e una IV con i professori Luigi Colombo, Antonio Marinoni e Rosaria Villani, seguono “Le forme dello spazio”.
                    "La città cambia, e noi?" si spinge, per la prima volta, fuori dal contesto milanese, percependo una grande attenzione per le trasformazioni della nostra città che fanno riflettere sul rapporto fra architettura contemporanea e cittadini.
    BRERA
      Al Liceo Artistico Statale di Brera, grazie alla collaborazione con i professori Piera Comparin, Cecilia Colombo e Giuseppe Zago, abbiamo svolto quattro cicli di incontri, coinvolgendo cinque classi del triennio sui temi "Tracce di futuro" e "Le forme dello spazio". E'stata per noi l'occasione di verificare la risposta di studenti con diverse età e competenze ai contenuti proposti, rimanendo spesso sorprese dal contributo dei più giovani.
        L'ottima collaborazione con gli insegnati è proseguita quest'anno affrontando, sempre con classi del triennio di diverse età, i tre diversi percorsi tematici scegliendo nuovi casi studio. Con "Le forme dello spazio" la 3A ha proposto un video che esprime una originale lettura corale dei temi affrontati, mentre le altre classi, terza e quinta, si sono cimentate, in piccoli grupi o individualmente, in letture critiche all'interno dei workshop.
          blank220x20
            bottoni
              Al Liceo Scientifico Piero Bottoni sono stati svolti tre cicli di incontri con quattro quinte, sui temi "Tracce di futuro" e "Le forme dello spazio". Grazie all'interesse delle professoresse Franca Galliana e Valentina Ongari per la cultura architettonica e urbana che hanno segnato il contesto della scuola, abbiamo letto gli interventi al Portello confrontando le nuove architetture con la lezione di Piero Bottoni. La bella collaborazione con le insegnati è proseguita quest'anno, affrontando, sui medesimi percorsi tematici, nuove architetture al Maciachini Center, City Life e Porta Nuova, coivolgendo le nuove classi quinte con ottimi risultati.
                blank220x20
                  Istituto Mattei 2
                I ragazzi della 5°A CAT dell’Istituto “Enrico Mattei” di Rho, con il professor Giuseppe Magni, hanno affrontato la proposta “Tracce di futuro”, avviata con la visita alla nuova sede dell’Università Bocconi, architettura complessa sotto il profilo costruttivo e spaziale.
                  Nel secondo incontro e nel successivo workshop gli studenti si sono misurati con l'analisi dei progetti di diversi architetti concepiti per lo stesso luogo. Giudici nel concorso per la Nuova Sede della Regione Lombardia, hanno commentato in modo circostanziato le motivazioni della loro scelta.
      Leopardi
        All'Istituto Europeo Leopardi abbiamo incontrato due quinte, dei Licei Linguistico e Scientifico. Con la professoressa Laura Zaninelli abbiamo arricchito il mix didattico de "I ritmi della città" con una visita guidata alla sede della Zurich al Maciachini Center, per preparare le studentesse all'itinerario individuale che precede il workshop finale. Con la professoressa Alessandra Nobili si è dato più spazio alle lezioni frontali su "Tracce di futuro".
          Anche nel 2014-15 la professoressa Zaninelli ha scelto "La città cambia, e noi?", sperimentando "Tracce di futuro" in due diverse declinazioni con le quinte dei Licei Linguistico e delle Scienze Umane. Durante i workshop conclusivi, gli studenti hanno dimostrato la capacità di far propri i temi affrontati espimendo giudizi critici originali quali "giurie" dei concorsi per la Nuova Sede della Regione Lombardia e per la Città delle Culture.
        blank220x20
          marcelline
            L'Isituto Marcelline Tommaseo ci ha dato l'opportunità di coinvolgere in un unico ciclo di incontri studentesse dei Liceo Linguistico e Sperimentale a indirizzo Classico e Scientifico. I percorsi e le competenze diverse dei partecipanti sono diventati un importante e positivo elemento di ricchezza nella lettura delle architetture presentate. Con la professoressa Maria Clara Bosello si è inoltre scelto di sperimentare una formula "accelerata" del ciclo di incontri, concetrati nell'arco di una sola settimana, entrando in modo nuovo nel vivo dei temi affrontati dal percorso tematico "Tracce di futuro".
              boccioni 1
            Ricca e articolata è stata la nostra esperienza con il Liceo Artistico Boccioni, grazie alla collaborazione con le professoresse Giulia Minetti e Maddalena Colli. Con Giulia Minetti, una quinta ha svolto un interessante percorso all'interno di "Le forme dello spazio", toccando il Museo delle Culture, Porta Nuova e il Portello. Con entrambe le insegnati, su "Tracce di futuro", sono state invece coinvolte in parallelo due classi, IV e V, unite per la lezione in aula e separate per la visita e il workshop finale, per dare ampio spazio al contributo critico dei ragazzi.
    OSC
      All'Istituto Orsoline di San Carlo, insieme alla professoressa Cristina Ferrari, abbiamo lavorato con una classe quinta del Liceo Artistico su "Tracce di futuro". E' stata l'occasione per arricchire il ciclo assegnado agli studenti una lettura fotografica dell'edificio visitato durante il primo incontro. Il contributo dei ragazzi è stato il punto di partenza per avviare il secondo incontro con un dibattito che li ha coinvolti in prima persona.
        Anche quest'anno, la collaborazione con la professoressa Ferrari ci ha permesso di sperimentare nuovi casi studio e nuove modalità didattiche all'interno di una delle proposte più scelte, "Fracce di futuro". La visita che apre il ciclo, focalizzata sul Museo delle Culture nell'ex Ansaldo, si è allargata ai nuovi interventi degli studi Matteo Thun, Dordoni e Calzoni che, insieme a molti altri, hanno cambiato negli ultimi quindici anni il volto della zona Tortona. blank220x20
          PowerPoint Presentation
            Grazie alla professoressa Elisabetta Albanese, si è avviata quest'anno la collaborazione con l'Istituto Tecnico Statale Argentia. Con "I ritmi della città", due quarte hanno affrontato la lettura della nuova sede dell'Università Bocconi, l'area di Porta Nuova e il Maciachini Center sotto il profilo del rapporto tra modalità d'uso e regole compositive degli spazi. Le quinte si sono confrontate con "Tracce di Futuro", in parte sui medesimi casi studio, analizzandoli rispetto alla relazione tra memoria e invenzione. Originali e partecipati i contributi critici e fotografici dei ragazzi ai workshop finali di entrambi i cicli.
              blank220x20
            scuola europa 2
              Con l'edizione 2014-15 di "La città cambia, e noi?" si è avviata la collaborazione con la Scuola Europa.
                Il ciclo messo a punto con la professoressa Elena Busisi ha coinvolto due classi quarte dei Licei Linguistico e Scientifico sulla proposta 1, "Le forme dello spazio", adatta alla partecipazione contemporanea di ragazzi con interessi e competenze diversi. Durante gli incontri gli studenti sono stati incoraggiati a esplorare la città e a documentare la loro lettura delle architetture affrontate in classe e durante la visita attraverso la fotografia.